Alan Marangoni: il volto di GCN Italia si racconta su Bike-room | Bike Room
Current Language it
  • Cart
Account

Hai già un account?

0 Il tuo Carrello

Nessun prodotto nel carrello.

Alan Marangoni: il volto di GCN Italia si racconta su Bike-room

Ex ciclista su strada e pistard italiano, campione nazionale di inseguimento su pista nel 2005 e a cronometro su strada tra gli Under-23 nel 2006, Alan Marangoni è stato professionista su strada dal 2009 al 2018, partecipando più volte al Giro d'Italia. Da gennaio 2019 conduttore del canale di ciclismo GCN Italia.

Ti ricordi ancora la prima volta su una bicicletta, e quanto tempo è passato?

Sono passati più di 30 anni ma sinceramente non ho ricordi nitidi del giorno esatto in cui ho iniziato, ricordo invece molto bene la prima gara ufficiale in bici, era il 4 aprile 1993 in un paesino della provincia di Ravenna. Avevo nove anni ed ero terrorizzato. Alla prima curva andarono fuori strada in 3 io mi trovai in quarta posizione e la mantenni fino all’arrivo. Non dimenticherò mai quel giorno in cui tutto ebbe inizio…

Ti ricordi la tua prima bicicletta da corsa?

Era una Somec blu metallizzata, piccola ma pesantissima

Qual era il lavoro che sognavi da bambino/a?

Da quando ho iniziato a correre ho sempre sognato di diventare un giorno un ciclista professionista, ho sempre vissuto il ciclismo con una passione fortissima e il destino ha poi voluto che riuscissi a vivere con il ciclismo.

Che cosa dicono/piace/odiano di te i tuoi amici?

Mi viene riconosciuto di essere una persona leale con un carattere espansivo e divertente. Un giocherellone nato! Quello che a volte non piace è che troppo spesso mi preoccupo di quello che la gente può pensare di me e di perdere troppo tempo per fare contenti tutti.

Hai una passione segreta?

Se è segreta come faccio a dirvela?! Ahahahahaha

Qual è il tuo ciclista preferito di tutti i tempi?

Sicuramente Marco Pantani. Ho vissuto le sue vicissitudini perché negli anni in cui correvo da ragazzino lui era in piena attività e guardando le sue gesta in bici sognavo a occhi aperti. Poi era romagnolo come me quindi era davvero impossibile non diventare un suo tifoso sfegatato.

Marco Pantani nella storica "doppietta Giro-Tour", 1998
Marco Pantani nella storica “doppietta Giro-Tour”, 1998. Credits: Patrick Kovarik/AFP/Getty Images

Qual è il tuo posto preferito dove giri in bici?

Adesso che vivo a Riva del Garda mi piace moltissimo fare la salita che porta al lago di Tenno, vicinissima a casa e molto bella a livello panoramico.

Qual è stata la tua vittoria più bella?

Il Tour de Okinawa. E’ stata la mia unica vittoria da professionista ma ha avuto un sapore davvero speciale perché è stata anche in assoluto l’ultima gara della mia carriera. Quel giorno ho vissuto emozioni davvero forti che non potrò mai e poi mai dimenticare.

Alana Marangoni vince il Tour de Okinawa, Okinawa (Giappone), 2018
Alana Marangoni vince il Tour de Okinawa, Okinawa (Giappone), 2018

Qual è stato il tuo compagno di squadra più forte di sempre?

Non ho dubbi…Peter Sagan, l’ho visto molto spesso da vicino rendere facili cose impossibili!

Vieni riconosciuta per la strada, e i bambini ti chiedono un autografo?

Mi capita si. Recentemente ero in un centro commerciale a Bergamo e un ragazzino si è avvicinato con la sua famiglia chiedendomi se fossi Alan Marangoni. Mi ha chiesto foto e autografo Era davvero entusiasta di conoscermi perché seguiva il canale youtube (GCN ITALIA) in cui lavoro sin dall’inizio e mi ha fatto un mucchio di domande. Anche i suoi genitori erano incuriositi. Fa molto piacere quando c’è gente che apprezza quello che sto facendo nel mio lavoro attuale.

Al momento qual è la tua bici preferita da competizione?

Attualmente utilizzo Canyon e Pinarello, bici con la quale mi trovo molto bene perché sono di altissimo livello. Nel cuore ho sicuramente l’ultima bici con cui ho corso ufficialmente e con la quale ho vinto la mia prima e ultima gara da pro. La DE ROSA (Protos). Bici che mi è stata regalata dalla famiglia De Rosa come segno di riconoscenza per l’impegno profuso nei due anni in cui ho corso con la loro bici e chiudendo con la vittoria.

Tag
  • Bici da Corsa
  • De Rosa
  • Giro d'Italia
  • Nippo Fantini
Redazione Bike-room

Ottobre 16 2020 • Bici da Corsa , De Rosa , Giro d'Italia , Nippo Fantini

1
Entra nella Bike-room community!

Offerte, news e contenuti esclusivi per nutrire la tua passione. No spam, solo BICI! Pedala con noi.